Author Archives: Giulia Stazi

The Nightmare Before Christmas, 21 anni fa nella sale italiane usciva il capolavoro di Tim Burton

Il 5 dicembre 1994 usciva nelle sale italiane The Nightmare Before Christmas; film d’animazione diventato cult in cui l’atmosfera misteriosa di Halloween e quella magica del Natale si intrecciano; il tutto accompagnato dalla voce di Renato Zero, doppiatore italiano del personaggio protagonista. Ideato e prodotto da Tim Burton, per la regia di Henry Selick, il film ha ricevuto diversi riconoscimenti, fra cui ricordiamo il premio Oscar 1994, premio Hugo e miglior colonna sonora a Danny Helfman.

Expo, giornata internazionale della Coca al padiglione della Bolivia (VIDEO)

Oggi nel padiglione della Bolivia, a Expo,  la protagonista sarà la pianta di coca e il valore benefico e culturale delle sue foglie non trattate; l’obiettivo è di far conoscere al mondo gli effettivi valori nutrizionali e medicinali, rivalorizzando e depenalizzando il loro uso. La “masticazione” delle foglie di coca, che consiste nello schiacciarla delicatamente in bocca senza mai ingoiarla, è un’attività antica radicata nella cultura andina, con un forte significato sociale e religioso; è praticata in tutti i riti e celebrazioni, rafforza i legami sociali e apporta benefici psicologici e fisici. Problemi circolatori, dolori fisici, mal di stomaco, problemi di circolazione, raffreddore sono solo alcuni dei mali cui la foglia di coca pone rimedio: siamo quindi lontani dal concetto di droga stupefacente cui questa pianta è automaticamente collegata; dalla foglia non trattata alla cocaina il processo chimico è complesso e lungo e la quantità dell’alcaloide cocaina presente al naturale costituisce solo una piccola parte dello stupefacente chimico. I suoi benefici sono stati resi noti già dal 1975 dall’Università di Harvard e ora, nell’articolo 984 della costituzione della Bolivia, è affermato che lo Stato protegge la Coca originaria e antica come patrimonio culturale e fattore di coesione sociale. Oltre a queste due importanti tematiche, durante le conferenze verrà illustrato come la coltivazione di questa pianta rappresenta un forte potenziale per lo sviluppo dell’economia della Bolivia.

Fonte Video: ANSA

21 ottobre 2015. Il ritorno al Futuro di Marty e Doc

“Dove siamo? Quando siamo?”
“Stiamo scendendo verso Hill Valley, California; sono le 16:29 di Mercoledì, Ottobre… ventuno… anno 2015!” “2015? Vuoi dire che siamo nel futuro!”18770_ppl

Marty e Doc stanno per arrivare. Alle 16.29 di oggi, nel cielo di Hill Valley quasi ci si aspetterà di veder comparire la DeLorean, arrivata in un batter d’occhio dal lontano 1985. In questo mercoledì 21 ottobre 2015 moltissime città del mondo si preparano a celebrare il 30° anniversario della saga Ritorno al Futuro (Back To The Future) con eventi e contest: a Los Angeles, nei luoghi in cui sono conservati pezzi di sceneggiatura, sono previste delle proiezioni speciali organizzate dalla Universal Studios, a New York i fan della saga potranno incontrare Michael J.Fox, Christopher Lloyd e altri attori, insieme allo sceneggiatore Bob Gale e il musicista Huey Lewis. Mentre l’America, anche se ancora sprovvista di Overboard e giubbotti autoasciuganti, tenta di convincere il presidente Obama a trasformare il 21 ottobre in una ricorrenza nazionale; in Italia gli appassionati potranno godere di diverse iniziative, fra cui tornare nelle sale cinematografiche per rivivere sul grande schermo i primi due episodi della trilogia. L’idea del film scaturì da un semplice episodio di vita quotidiana capitato a Bob Gale, produttore e sceneggiatore, che trovò il diario scolastico del padre, e, scoprendo che il proprio genitore era stato capoclasse, immaginò un ipotetico rapporto di amicizia con suo padre di quel tempo. Gale ne parlò con l’amico Robert Lee Zemeckis, regista, il quale rispose con una battuta sugli anni dell’adolescenza di sua madre; e quel discorso affascinante divenne un progetto da presentare alla Columbia Pictures. Chissà se immaginarono anche che quel semplice episodio si sarebbe trasformato, nel futuro, in un cult intramontabile.

Anche se il terzo e ultimo film non verrà trasmesso insieme ai primi due, noi de Linkursore celebriamo i 30 anni di Ritorno Al Futuro citando una frase di Doc, a chiusura della trilogia:“Il vostro futuro non è ancora stato scritto, quello di nessuno. Il vostro futuro è come ve lo creerete. Perciò createvelo buono!”