Founder e Amministratore del blog Linkursore. Precedenti collaborazioni da redattore per Ficw.it (circa 110 pubblicazioni), CometaNews/Romagiornale.it (con 27 pubblicazioni: Clicca Qui per leggere gli articoli su RomaGiornale.it) e SportQube (RomaQube e MotorQube). Esperienze da telecronista, speaker e inviato dai campi per Calcio a 5 e Calcio a 8. Competenze SEO (Search Engine Optimizer), E-Reputation Manager, Community Manager, Digital PR, Transmedia Web-Editor, Web Analyst e Content Curator. Esperto e appassionato di Calcio Europeo, Nordamericano e Sudamericano; Ciclismo; World Rally Championship; Motomondiale: Moto3, Moto2 e MotoGP. Attualmente scrive per la redazione Insideroma.com. Studente di Scienze Storiche presso l’Università degli Studi di Roma Tre, Lettere e Filosofia. Aspirante scrittore, giornalista, tele/radiocronista sportivo e cooperante internazionale. Ha collaborato con l’Università di Roma Tre e il professor Massimo Ghirelli alla redazione di un progetto pilota, durante il corso di Cooperazione Internazionale, per la realizzazione di una Casa-famiglia per ragazze madri e minorenni in El Salvador, curando in particolare: la Scheda Paese S.T.R.E.A.M. e il Piano Finanziario. Nel periodo da redattore per Linkursore ha prodotto 94 articoli firmati, collaborando alla realizzazione di Flash-News, esclusive, interviste ed editoriali.

Author Archives: Davide Aprilini

Sestri Ponente, ragazza di 12 anni picchiata, filmata e ignorata.

10152420_1571101306506909_7628796673794153901_nL’atto della vergogna è accaduto a Villa Rossi, Sestri Ponente comune di Genova. Una ragazza di 12 anni è stata picchiata da una ragazza di 17 anni mentre veniva filmata dagli amici della carnefice. Nel video si può vedere come la ragazza di 12 anni era in netta difficoltà, inerme e impossibilità a reagire.
La vergogna non appartiene però solo a colei che ha attuato la violenza, la vergogna è di tutti coloro che hanno partecipato filmando e senza intervenire, per di più ridacchiando. In più scene del filmato la ragazza di 12 anni ha rischiato grosso, colpita a pugni, testa e calci in pieno volto. L’avvenimento ha destato stupore, tanto che il video è diventato virale ed è stata aperta una pagina facebook contro la “bulla” e i suoi “amici”, dove ci sono altre foto e altri video. Intanto la violentatrice ha cancellato anche il suo profilo Facebook, probabilmente se l’è data a gambe quando è insorto contro di lei il mondo intero. L’emblema assoluto dell’essere bullo.

11034293_1571100743173632_895149345533582025_n (1)La riflessione, oltre che al bullismo, andrebbe rivolta anche ai genitori. Non solo ai genitori della ragazza che ha massacrato la ragazzina, ma a tutti coloro che stanno crescendo i figli trascurandoli e non trasmettendogli i giusti valori. Si assiste sempre di più ad una adolescenza allo sbando. Generazioni e generazioni di cretini e inetti che vivono nel mito dei Gangster televisivi o delle puttane utilizzate sempre più spesso come modello nei media. Oggi i genitori trascurano tutto ciò e questi sono i risultati. E chissà se leggendo queste righe alcuni di voi si riconosceranno in questo, chissà se leggendo su tutte le pagine del web questa notizia la picchiatrice provi anche un certo senso di soddisfazione. Ha poco di cui sentirsi soddisfatta, lei e i suoi amici rischiano grosso, sono scattate giustamente le denunce e le indagini. E’ caccia aperta ai telefonini che hanno scattato e girato foto e video. 

Si vergogni lei, si vergognino i compagni, i genitori e tutti coloro che agiscono quotidianamente in questo modo nell’indifferenza e nell’ignoranza. Tutti ci auguriamo che vengano presi provvedimenti seri, non deve esser concesso alcuno spazio alla violenza. Le vittime non si vergognino di subire, reagiscano nel giusto modo: denunciando. 

LINKURSORE DICE NO AL BULLISMO 

DENUNCIATE I CASI DI BULLISMO

NO ALL’INDIFFERENZA