Crea sito

Storia dei Sound Systems: dagli anni ’50 a Jah Shaka.

sound system jamaicaI primi Sound System di cui si ha notizia vennero costruiti durante gli anni ’50 del XX secolo nella zona del ghetto di Kingston, capitale della Giamaica. In quei luoghi la gente voleva divertirsi senza spendere troppo, d’altronde il ghetto era una delle zone più povere della città. Così due famosi produttori discografici e dj dell’epoca: Clement Coxsone Dodd e Sir Duke Reid sfruttarono questo desiderio e bisogno di musica. Entrambi fondarono i primi sound systems di cui si ha notizie, con questi giravano la città e, ogni sera, si fermavano in un posto diverso mettendo musica per tutta la notte e creando una discoteca all’aria aperta.

Col passare del tempo i due dj iniziarono a farsi una vera e propria guerra per attirare sempre più gente presso il loro sound system. Dodd arrivò perfino a pagare di tasca propria della gente, per far sì che quest’ultima venisse al suo sound disertando quello di Reid. Ma la cosa più importante è stata  la produzione di vinili: entrambi hanno iniziato a girare per gli hotel di Kingston che ospitavano artisti americani di rhytm and blues o di soul molto noti all’epoca. Una volta registrata una canzone, di essa veniva stampata una sola copia su un vinile a 78 giri. Questa unica copia era usata come una vera e propria arma di battaglia: molte volte si usava a inizio serata per far vedere che si possedeva un pezzo unico e raro impossibile da trovare presso altri dj e per questo venivano attratti sempre un gran numero di persone presso il proprio sound system. Ciò che contava era l’originalità dei pezzi e la non monotonia nella scelta delle canzoni.

A volte poteva capitare che due dj suonassero coi loro sound a pochi metri di distanza l’uno dall’altro. In questo caso ognuno cercava diMC sound system mettere in cattiva luce il suo vicino scegliendo i pezzi più ricercati ed esclusivi: erano vere e proprie battaglie a suon di vinili. Presto, queste guerre musicali presero il nome di soundclash. Col tempo iniziarono anche ad esserci persone specializzate, conosciute come MC,  che cantavano sulla base musicale improvvisando sul momento seguendo il ritmo della musica. Il primo MC di cui si ha notizia certa è Count Machuki negli anni ’50. Sia Dodd che Reid furono fondamentali nella nascita dei sound system e nella loro diffusione, ma essi furono anche importanti per l’espansione dei vinili:  ricordiamo che Dodd fu il fondatore della famosa casa discografica giamaicana conosciuta come “Studio One” ,uno dei pilastri del mondo del reggae, ancora oggi importantissima per la propagazione della stessa musica reggae nel mondo intero.

Alla metà dagli anni ’60 in Giamaica si iniziò ad interpretare lo stile rhytm and blues e il soul in chiave locale ed autoctona: da questa fusione nacque lo Ska, il primo genere musicale nato sull’isola del Mar dei Caraibi. Con la nascita dello ska aumentò il numero dei Sound System in circolazione e crebbe anche la loro importanza. Ma iniziarono a girare anche sempre più canzoni di questo genere, chiamate “tunes” dagli artisti della piccola isola caraibica. Questo permise che il primo genere musicale giamaicano si espandesse nel mondo intero. Il primo pezzo Ska che arrivò in Inghilterra direttamente dalla Giamaica fu “My Boy Lollipop” di Millie Small nel 1964: il successo fu enorme! Il successo dei Sound System in Giamaica fu tale che nei decenni seguenti, grazie anche all’emigrazione di molti giamaicani in altri paesi: come Gran Bretagna e Stati Uniti d’America. Torri musicali si diffusero anche in altre parti del globo. Nell’isola di Sua Maestà infatti, durante gli anni ottanta, vennero costruiti altri sound system usati soprattutto nelle serate organizzate dalla comunità giamaicana del luogo. Una caratteristica di questi nuovi Sound System erano i bassi che dovevano essere usati al massimo della loro potenza durante l’esecuzione dei vari pezzi su vinile.

jah shakaUno dei primi sound a nascere in terra inglese fu quello di Jah Shaka, ancora oggi attivo e conosciuto praticamente da tutti gli amanti del genere roots/dub visto che ha prodotto pezzi intramontabili quali “Kunta Kinte Dub” o “Babylon“. Questo sound fu uno dei pochi, se non l’unico, che continuò a dedicarsi a testi di carattere spirituale e religioso in linea con la tradizione giamaicana, dando il via al genere conosciuto come “roots” (“radici” in italiano). Gli altri sound invece si dedicarono sempre più ad un nuovo genere che si stava affermando in quel periodo: la dance hall che si concentrava più che altro sul divertimento e sullo svago tralasciando il carattere spirituale. Il successo di Jah Shaka fece sì che nascessero altri Sound System in varie zone del globo, perfino in Giappone! Ad oggi è possibile incontrare anche persone non di colore che però percepiscono come loro il messaggio di pace, armonia e spiritualità che viene trasmesso dalle canzoni suonate sul sound.

You may also like...